Wednesday , August 16 2017
Home / Il fatto quotidiano Alberto Bagnai / Non è il libero commercio che favorisce i lavoratori

Non è il libero commercio che favorisce i lavoratori

Summary:
I poveri non si arricchiscono comprando beni meno cari (cioè con la globalizzazione), ma guadagnando di più. E finora i dazi li ha messi Berlino I dazi! I muri! Le guerre! L’avvento di Trump ha colto di sorpresa i commentatori, cui sembra strano che, dopo trent’anni e passa di diminuzione della quota salari, gli oppressi, non potendo cambiare musica, abbiano deciso di cambiare almeno il suonatore. Ne è seguita una slavina di non sequitur i quali, pur essendo esilaranti per gli […] Sei già abbonato?Clicca qui per continuare a leggere

Topics:
Alberto Bagnai considers the following as important:

This could be interesting, too:

Alberto Bagnai writes Trump è lì per difendere il capitalismo da se stesso

Alberto Bagnai writes Media, la repressione del dissenso punta a ridare monopolio alle grandi testate. Ma così favorisce le destre

Alberto Bagnai writes Inaudito! C’è un dibattito sull’euro anche a sinistra

Alberto Bagnai writes Stradella, musica sacra e profana dell’Italia che fu la Patria dei talenti

I poveri non si arricchiscono comprando beni meno cari (cioè con la globalizzazione), ma guadagnando di più. E finora i dazi li ha messi Berlino
Non è il libero commercio che favorisce i lavoratori

I dazi! I muri! Le guerre! L’avvento di Trump ha colto di sorpresa i commentatori, cui sembra strano che, dopo trent’anni e passa di diminuzione della quota salari, gli oppressi, non potendo cambiare musica, abbiano deciso di cambiare almeno il suonatore. Ne è seguita una slavina di non sequitur i quali, pur essendo esilaranti per gli […]

Alberto Bagnai
Professore associato di Politica economica, Facoltà di Economia, Uni. G.D’Annunzio, Pescara Sono entrato in ruolo nell’università italiana nel 1996, e dal 2005 insegno Politica economica presso l’Università Gabriele d’Annunzio di Pescara. Collaboro con il Centro di ricerca in economia applicata alla globalizzazione dell’Università di Rouen (Francia) e con l’International Network For EconomicResearch di Bonn (Germania).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *