Il neopresidente ha un obiettivo: riequilibrare i conti con l’estero degli Usa ridimensionando Cina e Germania, il cui surplus minaccia il sistema
Trump è lì per difendere il capitalismo da se stesso

Xi Jinping, leader della Repubblica Popolare Cinese, il paese in cui, lo ricordiamo, la governabilità che tanto piace ai nostri opinionisti è assicurata da quel pratico dispositivo che è il partito unico, e dove pareva che la tutela dell’ambiente non fosse esattamente un obiettivo prioritario, intervenendo al World Economic Forum di Davos difende ambiente e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora